Sentiero delle fonti divine

Rabac - Labin

L’acqua è la fonte della vita e le sorgenti erano una volta la fonte della vita degli abitanti di Labin. E allora imboccate il Sentiero delle fonti divine, che inizia nella baia di Maslinica a Rabac. La salita verso la città vecchia di Labin inizia nel più bel paesaggio protetto dell’area di Labin. Le sorgenti Vrućak e Blažićevo si trovano accanto alla cascata più grande, mentre ad accompagnarvi lungo il cammino sono pure i ruscelletti. Le cascate del ruscello Pećina cadono attraverso le barriere di tufo serpeggianti e nella misteriosa grotta di Negri si nasconde una sorgente. A solo pochi minuti dal sentiero, lungo quella che era la strada che collegava Labin e Rabac, si trovano i resti della chiesetta romanica di Sant’Adriano (del 12.esimo o del 13.esimo secolo).

La fonte Šćurak nell’area di Podvinje sotto le mura cittadine era la principale fonte della città e l’area attorno a essa un grande orto cittadino fino al quale le donne trasportavano l’acqua nelle loro pesanti bigonce.

Le ricche famiglie nobili costruivano le cisterne per raccogliere l’acqua piovana nei cortili dei loro palazzi. Le case in campagna avevano a disposizione uno stagno accanto al quale vi era una grande pietra lavorata da cui erano caricate le bigonce. La rete idrica fu portata a Labin nel 1937, quando fu eretta pure la fontana cittadina e il gioco d’acqua nel viale di San Marco nella città vecchia di Labin.

Non perdete l’occasione di esplorare le affascinanti viuzze del centro storico e sentire lo spirito della misticità e dei tempi antichi a Labin, luogo che durante l’estate diventa una città artistica e un palcoscenico all’aperto (Labin Art Republika – Repubblica artistica di Labin). Non ve ne pentirete!

Lunghezza del sentiero 3,4 km
Tempo di percorrenza 1:30 h