Ottobre a Labin e Rabac (Albona e Rabaz)

La gara “Valamar trail” a Rabac e Labin, il 3 ottobre

La seconda edizione della gara “Valamar trail” inizia e finisce presso l’albergo “Valamar Sanfior” a quattro stelle a Rabac. Venite a vincere le sfide lungo i percorsi della “Valamar trail” lunghi 13 km, 21 km, 42 km, 53 km e 73 km. Se volete esplorare i dintorni di Rabac, immediati o meno, anche in bicicletta, nel complesso “Hotel & Casa Valamar Sanfior” a quattro stelle troverete tutto quello che vi serve. L’albergo vi offre tutta l’assistenza tecnico-logistica necessaria per darvi la possibilità di conoscere durante le vostre vacanze il maggior numero possibile di sentieri, colline e valli della bellissima Istria. Nel vostro albergo avrete a disposizione un deposito sicuro per le biciclette e vi saranno offerti pasti altamente energetici, mappe ciclistiche, noleggio delle biciclette e una serie di informazioni di cui avete bisogno prima di iniziare a percorrere gli itinerari ciclistici adatti a tutti i livelli di preparazione atletica. Le doppie sono disponibili già a partire da 83 euro a notte.
www.valamar.com/it/hotel-rabac/valamar-sanfior-hotel

 

Gli olivicoltori di Labin

Se per caso non avete ancora scoperto gli oli di oliva di Labin premiati a livello mondiale, quest’autunno è un’occasione per abbandonarvi ai sapori paradisiaci degli oli extravergine di oliva “Negri”, “Oil Perin”, “Oleum viride” e “Villa Annette Selection”. L’olio “Negri”, ricavato dalle olive che l’olivicoltore locale William Negri coltiva a Brgod, e la selezione degli oli “Oleum Viride” della famiglia Belić di Rabac sono già da qualche anno elencati tra i migliori oli extravergine di oliva in tutto il mondo dalla famosa guida “Flos Olei”. Con il loro olio ricavato dalle migliori varietà di olive istriane, i giovani olivicoltori della famiglia Perinić del villaggio Perinići vicino a Pićan (Pedena) hanno già iniziato a raccogliere premi istriani per la qualità, mentre la famiglia Peršić nel suo boutique hotel “Villa Annette” vizia i propri ospiti con gli ottimi frutti degli oliveti familiari attraverso la collezione “Villa Annette Selection” con le varietà leccino, frantoio e busa.
www.negri-olive.com
www.oleabb.hr
www.perinic.hr
www.villa-annette.com

 

Il Sentiero di San Fiorenzo (San Fior) e la leggenda sull’oro

Durante il mese di ottobre venite a vivere l’idillio rurale d’autunno nei dintorni di Labin. In occasione della Giornata internazionale del camminare e della festa di San Fiorenzo, che ricorrono rispettivamente il 15 e il 27 ottobre, fate una passeggiata lungo il Sentiero di San Fiorenzo (San Fior) nel villaggio di Kranjci. In cima alla collina in fondo al villaggio si trova la chiesa romanica di San Fiorenzo dedicata al vescovo dello stesso nome che nel 524 svolgeva il suo servizio nella cittadina istriana di Novigrad (Cittanova). Fu eretta a metà del VI secolo. La chiesetta è stata inserita nella lista dei beni culturali protetti della Repubblica di Croazia e al suo interno vi si trova un altare prezioso del VI secolo, come pure i plutei con ornamenti intrecciati. Secondo una leggenda locale, la chiesa fu eretta dai Greci durante l’era bizantina. Erano molto ricchi, ma dopo una siccità durata ben sette anni dovettero andarsene. Caricarono grandi quantità di oro su un carro piccolo trainato dai cavalli, ma l’oro fu troppo pesante, per cui misero una parte del tesoro in un recipiente per la produzione della grappa e la seppellirono attorno alla chiesetta di San Fiorenzo con un voto segreto. Non sono mai tornati a riprendersi l’oro e il voto è rimasto segreto fino ai giorni nostri.
http://goo.gl/y4qlwA

 

La Legge della caldaia e lo Statuto di Labin

Nel medioevo gli statuti cittadini non avevano solo la funzione di leggi e ordinanze, ma erano anche dei documenti che regolavano la vita di una città. Labin ottenne il proprio statuto nel XIV secolo ed esso fu in vigore per persino quattro secoli e mezzo, fino alla caduta della Repubblica di Venezia. A quell’epoca Labin era governata dai patriarchi d’Aquileia capeggiati dal patriarca Bertrando. Il 17 agosto 1341 egli attuò lo Statuto che conteneva la terribile disposizione conosciuta quale “legge della caldaia” (lex caldarie). La disposizione veniva implementata per dimostrare la colpevolezza o l’innocenza di chi fu accusato di un crimine. Il processo si svolgeva presso la chiesa parrocchiale ed era controllato da due consiglieri cittadini e da un giudice. L’imputato doveva ripescare manualmente un piccolo ciottolo buttato in un recipiente con acqua bollente, e aveva a disposizione non più di tre tentativi. In caso di fallimento, l’imputato era ritenuto colpevole. Per chi, per un caso puramente fortuito, ci sarebbe comunque riuscito, era previsto che portasse per tre giorni un guanto incerato. La sua colpevolezza o innocenza dipendeva dalle tracce di scottature: nel caso del verificarsi delle ustioni, l’imputato era dichiarato colpevole e punito; in caso contrario, era assolto. Considerata l’importanza storica dello Statuto, il 17 agosto si festeggia come la Giornata della città di Labin.

 

Cavalcare ammirando splendide vedute

Venite a vivere Labin e Rabac da una prospettiva del tutto nuova. Cimentatevi nelle cavalcate accompagnati da cavalieri esperti e godetevi le spettacolari viste della città vecchia di Labin, della baia di Rabac e delle isole di Cres (Cherso) e Lošinj (Lussino). A Presika, all’uscita della città vecchia, visitate il ranch al quale si organizzano cavalcate per bambini e adulti. La presidente del club di equitazione “Astra”, Rafaela Kranjac Zupičić, vi fornirà tutte le informazioni riguardo a questo nobile animale e alla bellezza delle cavalcate ricreative nella natura intatta. Previo appuntamento preso il giorno precedente. Cavalcate in mezzo alla natura solo per cavalieri esperti, per al massimo 4 persone.
Presika 121, Labin
Cellulare: +385 (0)91 2547 224
mond-commerce@pu.htnet.hr

 

Il ristorante “Vale Vista”

Approfittate del piacevole clima autunnale a Rabac per assaporare le delizie marine fresche, provenienti dal Golfo del Quarnero, e per godervi il più bel panorama della baia di Rabac e della città vecchia di Labin. Dondole, mitili e cappesante vi sedurranno già all’inizio del pasto come parte del piatto misto ai frutti di mare, mentre le tagliatelle con scampi e tartufi vi permetteranno di sentire la pienezza dei sapori autoctoni istriani accompagnati dai migliori oli di oliva di Labin. Dopo aver gustato le ricchezze dei sapori della natura in riva al mare, rilassatevi scegliendo la selezione di vini locali e una passeggiata romantica sul lungomare di Rabac fino a raggiungere la Riva o la più bella baia di Rabac, quella di Maslinica.
Restoran Vale Vista / Ristorante Vale Vista
O. M. Tita 2b, Rabac
T +385 (0)52 872 167